Consigli

Trading sulle Materie prime Commodities

La categoria di commodities più rilevanti sono quelle relative all’estrazione, carni, metalli, prodotti tropicali o coloniali, l’energia o i cereali e il legname utilizzato per la costruzione.
Queste rappresentano uno strumento finanziario preferito da molti trader esperti che effettuano una grossa parte degli investimenti su di essi.

Questi investimenti hanno una moltitudine di sottostanti e all’interno delle varie piazze borsistiche mondiali le azioni di questo genere sono moltissime.

Le tre materie prime principali sono le seguenti:

  • Petrolio;
  • Oro;
  • Argento;
  • Rame.

Questo mercato risulta essere molto più trasparente visto che non ha insita la complessità che possiamo trovare in tutti gli altri come quello forex o quello azionario.

Il trader che vuole effettuare manovre di investimento redditizie e veloci considera molto conveniente questo mercato data la sua enorme volatilità, più questa si presenta sul mercato e più occasioni proficue di trading si presentano per il trader.

Iniziate a studiarvi questa tipologia di mercato attraverso i vari grafici di andamento dei prezzi e vi renderete conto subito delle moltissime occasioni di trading che questo mercato offre.

Caratteristiche delle Materie Prime

La maggior parte dei trader considera l’investimento di capitali sulle materie prime un’ottima occasione di guadagno perchè in questo modo hanno la possibilità di effettuare una diversificazione degli asset all’interno del loro portafoglio vista anche la diversità che questi prodotti hanno in confronto alle obbligazioni o alle azioni stesse.

La maggior parte di loro è anche convinta che sussista una relazione fra inflazione e commoditities che in alcuni casi può risultare anche positiva.

In casi estremi queste possono esse delle vere e proprie polizze assicurative come per esempio una guerra o una grossa crisi finanziaria.

Il contro può essere dato dall’alta volatilità di queste commodities che in certi casi è molto vicina a quella che si verifica nel mercato azionario.

Un’altro punto che può creare preoccupazioni è il fattore stagionalità, la maggior parte delle volte risulta essere predominante nella rinuncia di trading da parte degli investitori.

Se poi il trader decide anche di effettuare un’integrazione di reddito spalmata nel tempo allora risulta importante considerare che questa tipologia di investimento non da diritto ai dividendi come si fa per le azioni e non da diritto neppure ad eventuali cedole come succede con le obbligazioni.

Concludendo, la tipologia di investimento sulle azioni ha di per se il vantaggio della diversificazione del portafoglio con una riduzione del fattore rischio ma dall’altra parte, il nostro consiglio è quello di mantenere una posizione contenuta verso questi asset per riuscire a ricavarne guadagni maggiori.

Trading su Materie Prime

Quando si effettuano manovre di trading sulle materie prime le potenzialità di remunerazione sono veramente altissime e questo a causa degli strumenti finanziari che sono collegati ad esso.
Il trader può effettuare le suddette manovre utilizzando piattaforme appositamente studiate, facili da manovrare messe a disposizione dai vari broker presenti nel web.

Le materie prime principali sul quale è possibile tradare sono le seguenti:

  • Oro;
  • Rame;
  • Argento;
  • Petrolio;
  • Gas;
  • Mais;
  • Cotone;
  • Grano;
  • Caffè.

Queste sono le principali ma ve ne sono molte altre.

Per poter tradare sulle commodities non è richiesta una conoscenza speciale, vi basta iniziare con calma, cercando di acquisire familiarità ed esperienza con piccole manovre iniziali.

Ricordate che le materie prime sono soggette alla stagionalità ovvero hanno performance differenti in base ai vari periodi dell’anno.

Appena inizierete ad operare in questo mercato vi renderete subito conto delle enormi potenzialità che offre vista l’enorme volatilità presente, potrete guadagnare cifre importanti anche in pochissimi minuti.

Trading CFD sulle Materie Prime

I trader hanno a loro disposizione molti strumenti per poter effettuare i loro investimenti di capitale, ognuno diverso dall’altro, soltanto una cosa è comune in tutti, il fattore rischio.

I CFD o Contract for Difference rientrano nel gruppo degli strumenti finanziari a disposizione del trader, è una tipologia di futures molto pratica ed estremamente facile da utilizzare, il loro prezzo può variare in base al valore di altri strumenti.

Un trader quando utilizza i CFD in fase di acquisto non entra fisicamente in possesso del bene ma effettua delle operazioni di scambio di denaro sulla variazione di prezzo del sottostante (che in questo caso è una materia prima) fra l’attimo in cui viene aperta la posizione ed il momento in cui viene conclusa.

Logicamente chi vende riceverà un profitto nel caso in cui la sua previsione di valore del bene sia risultata esatta, al contrario subirà una perdita se tale previsione sia risultata errata.

Quindi attraverso l’utilizzo dei Contract for Difference il trader potrà ricevere un guadagno sia aprendo una posizione long o al rialzo e sia aprendo una posizione short o al ribasso.

Questa è una possibilità che nel mercato azionario normale non è possibile in quanto l’investitore guadagna soltanto se il prezzo del bene subisca un’aumento di quotazione.

Trading con i Futures sulle materie prime

Utilizzando i contratti futures sulle materie prime il trader può usufruire di diversi vantaggi in confronto ad altre tipologie di investimento anche per il fatto che si prestano ad una forte leva finanziaria.

Il fatto di investire sui contratti futures non implica l’acquisto fisico del bene ma bensì si effettuerà soltanto una manovra di investimento nominale.

Il trader può ricevere guadagni in maniera molto più veloce attraverso l’utilizzo dei futures perchè va ad operare sul controvalore della materia prima che risulta essere dieci volte la cifra richiesta attraverso il margine e poi perchè i mercati futures si muovono molto più rapidamente in confronto a tutti gli altri mercati liquidi.

Risultano essere molto più equi ed affidabili visto che risulta più difficile reperire informazioni dettagliate.

Offrono una maggiore liquidità visto che ogni giorno vengono negoziati volumi molto consistenti di contratti, se facciamo un confronto con altre tipologie di investimento queste hanno livelli di commissione molto più contenuti.

Esistono tre tipologie di negoziazione distinte:

  • Trading;
  • Chiusura;
  • Chiuso.

Trading

Si possono piazzare ordini senza limitazioni.

Chiusura

Soltanto la chiusura di posizioni aperte, di solito fissata ad un paio di giorni prima.

Chiuso

Non abbiamo ancora aperto posizioni ed abbiamo già la data di chiusura.

Maurizio Germoglio
Esperto Trader e consulente finanziario. Laureato presso la Bocconi di Milano appassionato di comunicazione digitale e trading online.